Sarà una Vanoli assetata di vendetta

+ 16
+ 19


Dopo l’amara sconfitta con Reggio Emilia, i biancoblu vogliono rifarsi domani contro Pistoia.
Riscattandosi dall’opaca prestazione di Milano, gli uomini di coach Pancotto hanno tenuto testa ad una grande del campionato come la Grissin Bon Reggio Emilia e sono usciti dal campo sconfitti con molte recriminazioni sull’operato della terna arbitrale. In virtù di prestazioni sopra le righe di qualche protagonista inatteso (Mei) e con il contributo di tutti gli uomini a referto, probabilmente la Vanoli avrebbe vinto se gli arbitri avessero ravvisato un fallo antisportivo commesso da Cinciarini su Vitali ad una manciata di secondi dalla sirena finale (con i biancoblu avanti di un punto), ma pure frenati nell’ultimo quarto quando Reggio è andata 11 volte in lunetta contro le zero dei cremonesi. Non recriminiamo, anche se doverosamente certe decisioni sono parse quanto meno discutibili e consoliamoci per aver visto una Vanoli in salute, capace di sorpassare spesso gli ospiti anche con le “seconde linee” in campo. A nostro parere, comunque, questi due punti peseranno moltissimo alla chiusura dei conti. Ma incombe Pistoia di Paolo Moretti, ospite al PalaRadi domani alle 18.15 in un altro match che potrebbe essere molto equilibrato, con i toscani che tallonano i cremonesi con due punti di distacco in classifica. Sedici quelli ottenuti dai biancoblu, contro i quattordici degli ospiti che domenica scorsa hanno perso a Sassari (96-78) mettendo in risalto le prove di Easly, Williams e Ariel Filloy (ex di turno insieme a Daniele Cinciarini). Aspettiamoci una Vanoli arrabbiata, ma in buona salute, perché la Giorgio Tesi Group Pistoia Pistoia non salirà in Lombardia a far la parte della vittima sacrificale, ma sputerà sangue secondo tradizione e com’è giusto sia in ogni competizione sportiva.

dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su