Casalmaggiore -Via Volta, finalmente la rotonda

+ 48
+ 63


Costerà oltre mezzo milione. L’assessore Leoni: «Il finanziamento copre una parte, ma l’opera si fa».
na delle opere viabilistiche più attese dalla cittadinanza di Casalmaggiore potrebbe finalmente trovare compimento: nella mattinata di ieri infatti la buona notizia è arrivata agli uffici comunali di piazza Garibaldi, in quanto Regione Lombardia ha deciso di ammettere e finanziare, tramite la graduatoria del bando sulla sicurezza, uno dei progetti che l’amministrazione ha presentato proprio a livello di viabilità. Si tratta della costruzione dell’attesa rotonda in via Fermi, in uno degli incroci più pericolosi sul suolo casalese, lungo la strada Castelnovese, spesso teatro di gravissimi incidenti, molti dei quali anche mortali. Sinistri tra auto o camion, vista anche la presenza lungo l’arteria viaria di molti mezzi pesanti, ma anche investimenti di ciclisti o di pedoni. Una strada di sangue, specie all’incrocio con la Co.Ge.Me. e via Volta, in direzione Centro Commerciale Padano. Ecco che la rotonda forse non sarà la panacea di tutti i mali, ma è comunque un tentativo che, come altri esempi insegnano, potrebbe rappresentare una soluzione importante al problema: il costo dell’opera è di 550mila euro, per un progetto che il comune ha presentato e deciso di candidare al bando 1626 “per l’assegnazione a province e comuni dei fondi ancora disponibili per la realizzazione di progetti volti alla riduzione dell’incidentalità stradale”. Poco più di 3 milioni di euro messi a disposizione dal Pirellone (3.036.432,26 per la precisione), che andranno a finanziare 37 progetti. Tra questi, al 14esimo posto vi è anche Casalmaggiore, che ha ottenuto dalla Regione 100mila euro. Una piccola parte dell’investimento totale, comunque decisiva, tanto che l’assessore alla Viabilità e Lavori Pubblici Vanni Leoni ha potuto confermare che «con questo finanziamento l’opera partirà». E’ chiaramente un primo passo, ma significativo: ora il comune potrà infatti approntare tempistiche e iniziare l’iter procedurale che sempre si rende necessario di fronte a un’opera pubblica. Il progetto di Casalmaggiore ha ottenuto 56 punti, secondo in tutta la provincia di Cremona dietro a Palazzo Pignano (76 punti). E’ l’unico del comprensorio Oglio Po ad essere stato finanziato: tra i progetti ammessi e non finanziati, infatti, vi sono Calvatone (43esimo), Tornata (96esima), Piadena (112esimo) e Torre de' Picenardi (176esimo). La graduatoria del bando è stata pubblicata ieri mattina sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia.

dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su