Juve e Monaco, che occasione. A Parigi fuori una big. torna Carletto-Cholo

+ 17
+ 19


Siamo arrivati ai quarti di finale, le prime otto d’Europa si affrontano nella corsa che porterà solo una di loro a trionfare a Berlino. Analizziamo dunque le partite di questo turno.

Al Vicente Calderòn di Madrid va in scena il primo atto dei quarti di finale che si disputerà tra Atletico e Real, il replay della finalissima dello scorso anno. Entrambe hanno passato gli ottavi con sfide al cardiopalma. L’Atletico sembra meno roccioso rispetto allo scorso anno, ma ha già eliminato il Real Madrid in Copa del Rey. Il Cholo si aggrappa alla fantasia di  Griezmann, alla forza di Turan e alla bravura di Mandzukic sotto porta per cercare di contrastare i rivali, in un’impresa che gli esperti di scommesse sulla Champions League betfair reputano del tutto possibile.

La storia tra le due squadre parla ovviamente di un predominio dei blancos, ma negli ultimi 6 precedenti tra le 2 squadre, tra coppa nazionale, Liga e Champions League, addirittura è quasi una supremazia dell’Atletico, con 4 vittorie e 2 pareggi. L’ultima vittoria del Real è proprio la finale di Champions dello scorso anno.

Allo Juventus Stadium si affrontano Juventus e Monaco: entrambe hanno ringraziato l’urna di Nyon, avendo avuto la ghiotta occasione di non affrontare una delle corazzate e arrivare in semifinale, obiettivo insperato ad inizio anno.

La Juventus ha eliminato il Borussia agli ottavi, e in tanti la danno favorita anche per questa sfida: la squadra di Allegri però non deve assolutamente sottovalutare l’avversario, proprio come evidentemente è capitato all’Arsenal agli ottavi.

Pur essendo reduce dal passo falso di Parma, la Juve attraversa un periodo strepitoso a livello di forma e risultati. In attacco la coppia Morata – Tevez è ormai una garanzia. Lo spagnolo ha tolto il posto a Llorente a suon di gol, grandi prestazioni e tanta grinta, mentre l’Apache, dopo il lungo digiuno è anche tornato a segnare in Champions e la sua esperienza europea può fare la differenza.

Il Monaco è quarto in Ligue 1, ma con un ottimo andamento in trasferta con 10 vittorie, 4 pareggi e la miglior difesa in campionato: dati che devono far riflettere la Juventus che non avrà vita facile per scardinare il muro francese. Non a caso la conquista dei quarti di finale è maturata interamente a Londra. Berbatov è rinato nel Principato e la forte linea mediana con Moutinho, Kondogbia e Toulalan, riesce a dare garanzie sia a protezione della difesa sia in appoggio all’attacco.

Tra Juventus e Monaco c’è un unico precedente in Champions League, nella stagione 1997/1998: era la semifinale e il doppio confronto terminò con il passaggio del turno dei bianconeri grazie al 4-1 di Torino e al 3-2 di Montecarlo che però non bastò ai francesi per andare in finale.

Ad Oporto sfida da brividi per i padroni di casa che ospitano i marziani del Bayern Monaco, la principale favorita per la vittoria di questa competizione.

I lusitani però, giocheranno senza nulla da perdere per provare a giocare un brutto scherzo ai fortissimi di Guardiola.

Il Porto in casa ha un ottimo rendimento, può contare su una difesa solida ma anche su uomini di classe come Quaresma, Casemiro Brahimi e Jackson Martinez.

La squadra di Guardiola è un rullo compressore ma ad Oporto mancheranno Benatia, Alaba, Ribery, Robben, Javi Martinez e Thiago Alcantara, mentre sembra recuperato capitan Lahm. Tra Porto e Bayern ci sono 4 precedenti in Champions con i bavaresi in netto vantaggio con due vittorie e due pareggi.


Concludiamo con una supersfida: PSG-Barcellona: la capolista della Ligue 1 contro la capolista della Liga, una gara che manderà a casa una sicura pretendente per la vittoria finale.

Il PSG ha eliminato il Chelsea di Mourinho e ora Ibra (che però è squalificato) Cavani, Lucas e Thiago Silva sono pronti a sgambettare anche il blaugrana di Luis Enrique.

I catalani sono anch’essi reduci da un’inglese, negli ottavi infatti hanno buttato fuori il City e con il tridente Suarez-Neymar-Messi ogni sogno è possibile.

Sono 7 i precedenti tra le due squadre: il bilancio è tutto sommato equilibrato con due vittorie per il PSG, una per il Barça e 4 pareggi.

Segnala questo articolo su