Il circuito di Cremona accende i motori

+ 53
+ 53


L'autodroma di San Martino al Lago
Inaugurazione il 15 Aprile. All'alba del nuovo millennio era solo un sogno, coltivato da due fratelli con la passione per le due ruote. Nel 2003, per Marzio ed Alessandro Canevarolo, quel sogno inizia a diventare realtà: in nove anni, fra contatti e contratti, esplorazioni e progetti, l'idea embrionale di un autodromo nella bassa padana prende lentamente forma. E con la forma, arriva pure il colore: quello grigio scuro dell'asfalto appena steso, bordato del biancorosso dei cordoli e del verde di un contesto rurale che gli stessi ideatori del circuito provano a non intaccare oltre il dovuto. Manca solo il rombo dei motori, che si sentirà presto in quello che a livello nazionale viene già riconosciuto come il circuito di Cremona: il 15 aprile (è una corsa contro il tempo per gli ultimi lavori: possibile un rinvio) sarà il giorno dell'inaugurazione. Prima di quella data, sarà possibile visitare l'autodromo in maniera virtuale, grazie ai vari video del circuito presenti in rete. In concreto ci si potrà però prenotare alle prove libere e prendere visione delle progettualità dell'iniziativa visitando il sito internet appena dato in pasto ad una web community smaniosa di appassionati delle due e quattro ruote (www.circuitosanmartinodellago.com). Il tam tam mediatico, iniziato da mesi seppur in sordina, giungerà al diapason fra qualche settimana, quando i 3400 metri d'asfalto del circuito principale (il secondo per lunghezza in Lombardia dopo Monza, il quinto in Italia) accoglieranno ufficialmente le prime derapate. Servirà un mix di tecnica e aggressività per affrontare l'impegnativa serie di curve che attorcigliano un percorso velocizzato da un rettilineo di ben 950 metri parallelo alla via Giuseppina. Intorno alla pista, sorta in una superficie di docimila metri quadrati bonificata nell'inverno 2010, gli appassionati troveranno un'area paddock della medesima estensione, un parcheggio ancor più grande, un centro di primo soccorso, un gommista, negozi di ricambi e abbigliamento tecnico, bar e ristorante. Ecco perché il giorno dell'inaugurazione, secondo i fratelli Canevarolo, sarà una grande festa per tutta la Bassa oltre che un orgoglio per San Martino del Lago: la speranza, di proprietari, amministrazione e paesi limitrofi, è che un'opera di tale portata possa creare un notevole indotto per l'economia locale, creando - perché no - nuove possibilità d'impiego per la forza lavoro dell'intero circondario. In attesa del 15 aprile, sul web, sarà possibile prenotare le prime prove libere già organizzate sul nascituro circuito per i mesi di aprile, maggio, giugno, luglio e settembre. Tre i team organizzatori coinvolti: 76 Racing Team, che offre corsi di guida in pista e prove libere a turni per motociclisti, Non Solo Dritto, un'associazione sportiva nata dalla passione di un gruppo di amici per le due ruote, e Gully Racing, team di Guglielmo Tarizzo, campione d'Europa nel 2007 nella categoria Supersport. Sui siti di riferimento dei singoli team sono disponibili prezzi e date. Oltre alle moto, l'autodromo accoglierà da maggio anche i kart, su di un circuito minore di 1040 metri. Fra corsi di guida sicura, campus estivi per i piloti più giovani, prove libere per moto e gare di kart, c'è da dar ragione ai fratelli Canevarolo quando dicono che al circuito di San Martino del Lago «ce ne sarà per tutti i gusti».

Simone Arrighi

Segnala questo articolo su