Nozze green nel rispetto dell’ambiente

+ 70
+ 74


L'attenzione per l'ambiente che ci circonda è un tema di crescente diffusione, per il quale si può fare molto in ogni ambito della vita pratica. Alle piccole attenzioni nel quotidiano si possono aggiungere quelle legate ad eventi straordinari, come il matrimonio: sempre più di frequente gli sposi si impegnano ad organizzare il giorno delle nozze tenendo conto dell'impatto ambientale delle proprie scelte, per una cerimonia e un ricevimento ad impatto zero. Tra gli accorgimenti più frequentemente attuati vi è la scelta di inviti e menù stampati su carta riciclata. I centrotavola, al posto di essere fiori recisi, possono essere costituiti da piantine da conservare e far crescere dopo le nozze: un particolare ricordo duraturo per gli ospiti che lo riceveranno sicuramente con piacere. Il ricevimento può essere organizzato da un catering che usa prodotti biologici, del commercio equo e solidale oppure prodotti a chilometro zero. Organizzare un matrimonio ecologico non significa necessariamente aumentare i costi. Ad esempio fare attenzione a ridurre gli sprechi è un primo passo verso una coscienza critica.

Spesso i banchetti sono davvero troppo ricchi e gli avanzi potrebbero sfamare un esercito: meglio prestare attenzione alle quantità, richiedendo conferma della partecipazione ai propri ospiti poco tempo prima delle celebrazioni. Per abbassare i livelli di emissione di inquinanti si possono organizzare meglio gli spostamenti degli invitati con poche macchine o radunare tutti su pullmini elettrici. Gli sposi, poi, possono arrivare in bicicletta o tandem per i più sportivi, oppure in carrozza per un arrivo ancor più romantico. Scegliere fiori di stagione per il bouquet può costituire una soluzione ottimale; in alternativa, la sposa può optare per un originale bouquet di bulbi, da conservare e far crescere anche dopo il giorno delle nozze. Allo stesso modo, anche le decorazioni potranno essere realizzate con fiori di stagione. Per le bomboniere, perchè non ricorrere a prodotti locali, come vasetti di marmellate, bottiglie di vino o manufatti artigianali, in modo da favorirne anche la produzione?

Oppure si può pensare a bomboniere solidali, il cui ricavato andrà a favore di onlus e associazioni. Per le fedi, i più nostalgici potranno chiedere di usare quelle dei propri nonni che magari non ci sono più oppure ci si può rivolgere a cooperative gestite da persone diversamente abili che lavorano materiali non trattati chimicamente. Su diversi siti internet invece è possibile acquistare anelli in oro riciclato. La lista nozze può essere effettuata presso una bottega equosolidale o finanziare progetti di salvaguardia ambientale. Anche la luna di miele può essere ecofriendly, con l'organizzazione di un viaggio responsabile.

Segnala questo articolo su