Museo del violino, il Pd chiede trasparenza

+ 18
+ 14


alt
Quale destino per il Museo del violino? Chi se ne occuperà? Chi lo dirigerà e come verrà gestito? Tutte domande ancora senza risposta, come denuncia il Pd di Cremona. «Abbiamo chiesto trasparenza sul percorso, sulla gestione e sui  costi, ma la Giunta Perri ha  dato  fino ad oggi solo risposte evasive» sottolineano i consiglieri comunali Daniele Bonali ed Elena Guerreschi. «Per questo motivo abbiamo voluto riportare il tema all’ordine del giorno in consiglio comunale, sperando che non si debbano ancora una volta registrare  chiusure preconcette ed ingiustificate, ma che si voglia mettere i consiglieri nelle condizioni di essere adeguatamente informati su scelte di grande rilievo per tutta la collettività».

«Per più di due anni l’Assessore alla cultura prima, poi il sindaco, dopo che l’assessore era stato sollevato  dalla conduzione della partita, si sono trincerati dietro un silenzio inquietante che ci ha fatto supporre che le risposte ai nostri interrogativi in realtà non esistessero» scrivono i consiglieri nell’ordine del giorno. «Nella risposta all’interrogazione scritta che abbiamo rivolta al sindaco, infine, si rinvia il coinvolgimento del Consiglio al termine del percorso di valutazione della Giunta». Con queste premesse, il documento chiede al sindaco di «coinvolgere da subito la Commissione competente sulle ipotesi attualmente al vaglio della Giunta, in modo da offrire anche ai Consiglieri, attraverso un percorso trasparente, gli elementi informativi necessari, sia riguardo agli assetti istituzionali, che a quelli relativi ai costi,  per  valutare le decisioni che saranno assunte circa la futura gestione del Museo del violino»

di Laura Bosio

Segnala questo articolo su