Pergo, ora servono i tre punti

+ 22
+ 17


Decisamente tonificante il pareggio ottenuto dal Pergo nella tana del nobile decaduto Piacenza (a serissimo rischio fallimento). Domenica allo stadio Voltini è in arrivo un’altra squadra blasonata alle prese con gravi problemi economici (ma ormai fa notizia chi non ha problemi): la Triestina allenata da Beppe Galderisi, trainer che sa il fatto suo, con il sogno nel cassetto di allenare un giorno, la Juventus. Ora, se i gialloblù cremaschi riusciranno a superare il tabù del campo amico (da troppo tempo non si vince dalle parti di viale De Gasperi, ndr), allora il match con il club triestino potrebbe rivelarsi assai intrigante. Al campo l’ardua sentenza. Intanto, sul delicatissimo fronte societario, capitolo caratterizzato dall’incertezza (l’intramontabile Pergolettese è in vendita e sta attraversando un periodaccio per quanto riguarda i conti) qualcosa grazie all’amore dei tifosi cremaschi si muove. Ebbene, un gruppo di fantastici sostenitori autoctoni, virtualmente (nel senso che sono attivi pure sul web) e concretamente, (per parlare con loro basta rivolgersi all’agenzia viaggi cittadina del buon Federico Mainardi di piazza Marconi), riunitisi sotto la denominazione di “Popolo Cannibale” sta raccogliendo adesioni e risorse per abbozzare un’ipotesi d’azionariato popolare e altre iniziative speciali per alimentare l’intramontabile leggenda della Pergolettese.

Questi tifosi, tra l’altro qualcuno è vicino al sodalizio che fu di Roberto (un calciofilo con le sue competenze, alla causa servirebbe come acqua al deserto) ed Erasmo Andreini da una vita, quando il Pergocrema non era una tendenza ed i suoi dirigenti si muovevano essenzialmente col cuore e non con auto aziendali, meritano un plauso sincero e caloroso. E speriamo che la città (la truppa canarina, considerati i tempi va vista come principale espressione del territorio) presti la massima attenzione all’iniziativa intrapresa dal meraviglioso “Popolo Cannibale”. Aspettando l’esito del match con la Triestina e detto che un eventuale ritorno sulle scene dell’ex patron Manolo Bucci, più che a un atto generoso sarebbe riconducibile (condizionale d’obbligo) a faccende da chiudere e definire, qualcuno dalle sponde cremasche del Serio avrebbe chiesto a Stefano Bergamelli di tornare in sella alla società gialloblu. Vredremo...

PROBABILE FORMAZIONE Cicioni, Celjak, Lolaico, Coletti, Fabbro, Doudou, Babù, Tortolano, Pià, Angiulli, Joelson. All.: Brini.

di Stefano Mauri

Segnala questo articolo su