La scuola di Burano in mostra a Crema

+ 46
+ 49


Aperta fino al 9 aprile nella Cittadella della Cultura
Una bella mostra nella Cittadella della Cultura di Crema in via Dante. Curata da Gilberto Macchi – anche lui pittore e innamorato dell’isola di Burano a Venezia – fino al 9 aprile è allestita la mostra dal titolo “La scuola buranella – pittura del novecento in laguna», aperta al pubblico cremasco mattina e pomeriggio. «La scuola di Burano - scrive nella presentazione del bel catalogo Paolo Mariani, assessore Cultura a Crema - ha svolto un ruolo importante nella storia della pittura del Novecento; e di quella scuola hanno fatto parte, anche se in periodi diversi, due nostri pittori Francesco Arata e Gilberto Macchi». In realtà, scrive Silvia Merico, «non vi fu mai una vera e propria scuola di pittura: gli artisti che nei primi anni del Novecento popolarono l’isola, lo fecero spontaneamente e liberamente: evadevano dal conformismo dell’epoca, dal pesante realismo ottocentesco, sfuggivano alle regole dell’accademia…». Una trentina di opere di artisti diversi (Pio Semeghini, Umberto Moggioli, Francesco Arata, Giuseppe Castrovilli, Silvio Consadori ed altri) e una ventina firmate da Gilberto Macchi, costituiscono una raccolta molto significativa, destinata a rimanere nella memoria di quanti avranno la fortuna di visitarla.

di Tiziano Guerini

Segnala questo articolo su