In camper il tour elettorale nei quartieri di Stefania Bonaldi

+ 15
+ 18


Voglio stare ai fatti; le polemiche ci sono e ci saranno ma devonoriguardare problemi specifici, questioni concrete, scelte amministrative che interessano o dividono i cittadini ; nessuna polemica contro le persone né con il candidato Agazzi né con i suoi alleati. La politica deve essere confronto, magari anche scontro, ma fra idee e programmi non fra persone». Stefania Bonaldi, candidata sindaco per il centrosinistra è restia ad entrare in polemica col suo avversario Antonio Agazzi che pure in diverse situazioni ha fatto dichiarazioni pungenti sulla sua coalizione. Non è stato un complimento definire la lista Sel o quella della Federazione di Sinistra, «reperti archeologici». «Soprattutto non corrisponde a verità: è innegabile lo sforzo di questi partiti - come del resto anche per il Pd - per aderire alla situazione politica e sociale più attuale; magari con risposte diverse da quelle che dà la “destra”, ma non per questo meno meritevoli di attenzione e di valutazione. Agazzi mediti piuttosto sugli errori compiuti in questi anni dalla giunta Bruttomesso e dalla maggioranza di centrodestra di cui era parte ». Ne è uscita la definizione di «giunta Bruttomesso-Beretta- Agazzi». «E’ sintomatico che il candidato sindaco del centrodestra cerchi di far dimenticare gli errori commessi dalla sua parte politica. Il tentativo di smarcarsi è destinato a fallire dal momento che i suoi principali sostenitori di oggi sono ancora fondamentalmente i responsabili dei fallimenti di ieri, Pdl e Udc, stesse sigle e stessi uomini; e chi non è più parte della alleanza di centrodestra - Lega e Obiettivo Crema - non a caso ha preferito non condividere più responsabilità e programmi col centrodestra». Ultima polemica quella sulle nuove difficoltà emerse fra le società partecipate con confusione di ruoli e di responsabilità fra utili (Cremasca Servizi) e perdite di esercizio (Scs servizi locali). «E’ una questione grave che andrà chiarita in tutti i suoi aspetti.

Non mi aspetto più nulla di buono da promesse e da interventi confusi quali quelli che nel centrodestra si cerca di mettere in atto. Nemmeno il dibattito sull’argomento in consiglio comunale potrebbe fare chiarezza: tempo scaduto». I problemi veri sono per la città ancora tutti da affrontare. Stefania Bonaldi con il suo camper sta visitando tutti i quartieri della città. E’ stata, per prima, a Santa Maria: «L’esigenza dell’apertura di una farmacia per il quartiere è sacrosanta e troverà la mia massima attenzione. C’è poi tutto il tema dell’area Nord-Est che mira ad avvicinare il quartiere di S. Maria al centro storico e a liberare il viale del traffico più pesante ed ingombrante: a questo proposito i progetti messi in campo in tutti questi anni per il superamento della barriera ferroviaria dovranno essere oggetto di importante ed approfondita riflessione alla luce dei relativi costi, nonché dei flussi di traffico che si determineranno con l’apertura del sottopasso alla ferrovia di via Indipendenza e del tracciato che si determinerà per la prosecuzione della cosiddetta Gronda Nord».

di Tiziano Guerini

Segnala questo articolo su