Pasqua low cost, ma alla gita non si rinuncia

+ 14
+ 17


alt
Si preannuncia una Pasqua caratterizzata dal maltempo, o almeno questo è ciò che attestano le previsioni metereologiche relative al nord Italia. Nuvole e piogge non dovrebbero risparmiare né domenica né lunedì, ma la speranza è l'ultima a morire e i cremonesi non rinunciano ad organizzare gite fuori porta in località che forse saranno risparmiate dal maltempo, oppure ad escogitare mete alternative in spazi coperti.

Ad una seppur breve vacanza, però, proprio non si rinuncia (giustamente), anche se particolare attenzione quest'anno viene rivolta al portafoglio. Secondo le più recenti indagini, saranno gli agriturismi a beneficiare delle vacanze pasquali, con numeri positivi per quanto riguarda le prenotazioni, mentre sono in calo le prenotazioni per le località tipicamente turistiche, nelle quali piuttosto si sceglie di recarsi per un numero ridotto di giorni. In pochi, quest'anno, scelgono mete fuori dall'Italia; in tal caso solitamente è per raggiungere parenti e familiari. E' il caso di Roberta: «Mia figlia è in Erasmus in Inghilterra; quest'anno quindi abbiamo deciso di approfittarne e di raggiungerla noi, con tutta la famiglia. Passeremo una Pasqua un po' diversa e ne approfitteremo anche noi per visitare Londra, che io ad esempio non ho mai visto.

Staremo via appena un paio di giorni però, non possiamo permetterci di spendere molto quest'anno. Infatti anche le date le abbiamo scelte in base al costo dei voli. Al viaggio, però, non abbiamo voluto rinunciare».

Più frequentemente, invece, ricorre la decisione di trascorrere la giornata di Pasqua in casa, invitando magari alcuni parenti: «Faremo un pranzo con la mia famiglia e quella di mio fratello, il giorno di Pasqua. Per Pasquetta, invece, ancora non sappiamo, perchè avremmo voluto trascorrere una giornata al mare ma le previsioni non sono molto buone, almeno nelle località più vicine. Probabilmente ripiegheremo su qualche città non troppo distante», racconta Silvia.

Tra i pochi che per il ponte si concederanno un week end di pura vacanza, Fabio: «Quest'anno io e la mia ragazza andremo quattro giorni a Berlino; abbiamo trovato una buona offerta per il viaggio e ne volevamo approfittare. Ci piace molto viaggiare e non appena ne abbiamo la possibilità ci dedichiamo alla scoperta di qualche località nuova».

Tranne qualche eccezione, dunque, quella che si delinea è una Pasqua lowcost, trascorsa nei dintorni oppure organizzata con particolare attenzione alla spesa. «Io e mio marito raggiungeremo i miei genitori a Roma per qualche giorno. Di solito andiamo in macchina, ma quest'anno abbiamo preferito utilizzare il treno, la benzina ormai ha costi decisamente proibitivi», è il commento di Cinzia.

Anche chi deciderà di non compiere veri e propri viaggi, difficilmente rinuncerà a trascorrere uno o due giorni di svago al di fuori delle mura domestiche e della propria città. «Quest'anno abbiamo deciso di rimanere in zona - racconta Raffaele - . Niente vacanze, anche perchè con un bimbo piccolo preferiamo evitare viaggi stressanti i. Passeremo la Pasqua con la famiglia, mentre a Pasquetta ci concederemo una giornata in agriturismo, dove sicuramente anche il piccolino di casa potrà divertirsi».

Le vacanze culturali, o quantomeno le gite di una giornata, si confermano tra le più quotate per chi desidera una giornata di svago: Michela andrà a visitare una città d'arte, «Forse Mantova, oppure Bologna: in realtà speravo di poter fare una grigliata all'aperto con gli amici, ma il meteo non promette nulla di buono quindi preferisco approfittarne per andare a fare la turista e visitare qualche museo». Ma c'è anche chi farà il turista nella propria città, come Giorgio: «Quest'anno resto in città. Mi vengono a trovare dei parenti e si fermeranno un paio di giorni: ne approfitterò per mostrare loro Cremona e per riscoprirla anche io. Ci sono molte cose che ho sempre pensato di visitare ma, vivendo qui da tanti anni, ho continuamente rimandato. Ora ho l'occasione per farlo».

«Io mi sono autoinvitato un paio di giorni da alcuni amici al mare», scherza Marco, «così posso farmi una vacanza a costo zero!».

Sempre più diffuso in Italia, inoltre, risulta essere il car pooling, pratica che prevede la condivisione della macchina tra persone che si accordano per compiere lo stesso tragitto. Il fenomeno ormai spopola sul web ed è nato per contrastare il caro benzina, che rende i lunghi viaggi ormai difficoltosi per molti.

Certo, non tutti sono pronti a condividere il viaggio con persone sconosciute o a modificare il proprio tragitto per adattarsi a quello degli altri passeggeri, ma un occhio di riguardo per il mezzo scelto è evidente: saranno in molti quest'anno a preferire il treno all'auto, come spiega Chiara: «Per Pasqua torno dai miei genitori, però quest'anno ci vado in treno. Gli orari sono un po' scomodi e presumo ci sarà moltissima gente sui vagoni, ma con il costo del carburante è una necessità ormai rinunciare a qualche comodità». Simile discorso anche per Marta: «A Pasquetta andrò a fare una gita con amici, ma andremo in treno: la macchina ormai per i viaggi relativamente lunghi è off limits». Gli italiani, insomma, alle gite fuori porta del periodo pasquale proprio non rinunciano; limitare i costi, però, è sempre più una priorità.

di Martina Pugno

Segnala questo articolo su