Vanoli Braga, un lunedì la leoni

+ 21
+ 19


Ci voleva proprio questo ultimo successo per la Vanoli Braga, che vincendo a Caserta (77-74), ha forse preso lo slancio decisivo per la riconferma in serie A anche per il prossimo anno. Ora i punti di vantaggio su Casale Monferrato sono 8, 4 su Teramo e si è agganciata la stessa Caserta a quota 20 con in vantaggio delle due vittorie negli scontri diretti. A Caserta la Vanoli Braga ha confermato l’eccellente stato di forma del gruppo in questo momento, come i recenti successi attestano, ma ha fatto capire quanta volontà c’è nell’ambiente di volersi riconfermare, anche e soprattutto in presenza di momenti di difficoltà nel corso della contesa. L’inizio non è stato brillantissimo, ma già a metà delprimo quarto la Vanoli Braga ha messo il naso avanti nel punteggio, pareggiando a fine periodo. Nei due quarti intermedi poi ha costruito il suo vantaggio con sagacia e pazienza per poi andare a complicarsi la vita negli ultimi due minuti di partita, con qualche gestione scriteriata di palloni anche facili da amministrare, ma alla sirena finale è arrivato il meritato successo. Un grande passo, con Rich ancora miglior realizzatore, Perkovic, Cinciarini, Milic, D'Ercole ed il ritrovato Tusek a meritarsi il plauso di tutti, ma anche Tabu, Lighty poco preciso in attacco, sono stati fattori decisivi.

Insomma, una bella partita giocata in trasferta al cospetto dei padroni di casa, decisamente sotto tono. Ma non c’è nemmeno il tempo per le “vacanze di Pasqua”, perché già lunedì sera i ragazzi di Caja saranno in campo a Pesaro per incontrare la Scavolini Siviglia, squadra di alta classifica in piena lotta per un buon piazzamento nei playoff, che sarà avversario ben più temibile di quanto sia stata l’Otto Caserta. La compagine marchigiana allenata da Dalmonte ha nel suo roster giocatori di alta qualità tecnica come l’ala White, Jones, miglior realizzatore domenica scorsa a Montegranaro con 20 punti, le guardie Hickman, Hackett e Cavaliero, nonché il tuttofare Flamini, il pivot Lydeka e Marco Cusin, grande ex che sta disputando un campionato eccellente se pur limitato da qualche infortunio di troppo. Sarà un compito durissimo per la compagine di Caja, che se pur in grande condizione, dovrà fare i conti con un avversario oggettivamente più attrezzato.

Con questo non si vuol dire che la partita si debba considerare fuori da ogni opportunità di successo, ma ci pare eccessivamente ottimistico il vederla non di grande difficoltà. I nostri, comunque, ne siamo sicuri, la giocheranno con la concentrazione e l'impegno di sempre, considerando che il traguardo finale è ancora lontano ed il calendario non consente distrazioni, se si pensa che il prossimo avversario, dopo Pesaro, sarà l’Umana Venezia che va facendo meraviglie sin dall’inizio della stagione e che arriverà al PalaRadi con la voglia di mantenersi il più in alto possibile nella sua classifica, già ottima in questo momento (terzo posto al pari della Scavolini).

di Giovanni Zagni

Segnala questo articolo su