Lista Pdl, Renato Ancorotti capolista, ci sono molti degli attuali assessori

+ 23
+ 27


alt
«Lista e programma in continuità con l’impegno amministrativo di questi cinque anni, durante i quali abbiamo realizzato molto (non tutto quello che avremmo voluto) nel limite del possibile e con le difficoltà date dalla crisi generale»: così Enzo Bettinelli, coordinatore del Pdl cittadino, alla presentazione della lista che affronterà le elezioni amministrative di maggio. Nessun veto per nessuno: tutti gli assessori e tutti i consiglieri uscenti del Pdl che hanno confermato la loro volontà di impegno, sono stati messi in lista; assieme a undici indipendenti; sette sono le donne. Antonio Agazzi candidato sindaco sostenuto dal centrodestra non rinnega il passato che del resto l’ha visto sedere in consiglio comunale sia pure nella carica di presidente dell’assemblea. «Siamo figli della precedente esperienza di governo della città» dice. «Rinunciare a difendere quanto di positivo è stato fatto dalla amministrazione di centrodestra sarebbe il primo modo per perdere; non si butta niente alle ortiche». I punti principali del programma elettorale sono così indicati dal coordinatore: «Solidarietà, sussidiarietà con enti superiori e con privati, impegno per la Cittadella dell’Anziano, il tema della sicurezza dei cittadini, offrire supporto alle imprese per nuova occupazione; portare avanti il progetto del terzo superamento della ferrovia; attenzione all’università, alle strutture sportive, alla cultura». Antonio Agazzi in veste di candidato sindaco aggiunge di suo qualche novità programmatica. «Non ci sono» afferma, «solo elementi di continuità, ci sono anche quelli di novità: non c’è il sindaco uscente Bruno Bruttomesso, e c’è la presenza del Terzo Polo (Udc-Fli-Alleanza per Crema), oltre ad altre due liste civiche che sostengono la mia candidatura: la lista del sindaco e Crema Futura». Antonio Agazzi vuole anche precisare che in programma non c’è un esplicito consenso alla ipotesi della nuova Cittadella dell’Anziano, ma solo l’impegno alla valorizzazione del patrimonio della Fondazione Benefattori Cremaschi: come, lo si vedrà. L’ultimo appello è comunque per la novità: «E’ cambiato il direttore deve cambiare anche la musica».

Renato Ancorotti

Elia Avaldi

Maurizio Anastasio

Alessandro Barbieri

Simone Beretta

Maurizio Borghetti

Renzo Casoli

Donatella Giuseppina Catto’

Lodovico Doldi detto Vico

Raffaella Giordano

Roberta Giubilo

Fulvio Lorenzetti

Paolo Mariani

Teodosio Matti

Paola Orini

Giovanni Palumbo

Antonio Patrini

Roberto Persico

Massimo Piazzi

Emilio Pini

Simone Schiavini

Luigi Taje’

Anna Maria Vavassori

Laura Maria Zanibelli

Segnala questo articolo su