Lista PD - Bonaldi Sindaco: "Amministratori non più chiusi nel palazzo

+ 23
+ 24


alt
«Dodici donne e dodici uomini; tredici candidati non iscritti al Pd; quattro i consiglieri comunali uscenti che vengono ripresentati; due candidati su indicazione dal direttivo cittadino del partito socialista; età media 47 anni»: snocciola i numeri Teresa Caso, coordinatrice del partito nella città di Crema, e presente fra i candidati, annunciando la lista che il Pd presenta alle prossimi elezioni amministrative a sostegno di Bonaldi, candidata a sindaco. «La nostra» prosegue Caso, «è una lista di persone normali, persone che vivono del proprio lavoro che sperimentano ciascuno la fatica del vivere ma anche la gioia di condividere un obiettivo e un impegno con altri: l’impegno civico, cioè al servizio della città e della comunità, fatto in termini di assoluto volontariato. Ai candidati abbiamo chiesto di mettere a disposizione non solo il proprio nome, ma la propria intelligenza, le proprie idee, il proprio impegno diretto. E la risposta è stata molto positiva » Segno che se è vero che oggi la politica e i partiti in particolare non godono di buona fama, è anche vero che esiste una vasta consapevolezza del fatto che, se c’è molta cattiva politica, c’è anche tanta buona politica, che soprattutto nell’impegno civico, cioè al servizio della città e della comunità, può diventare vincente. Una politica fatta di persone che ci mettono la faccia, che si mettono in gioco, che accettano la sfida di una situazione drammatica da modificare. E che lo fanno in termini di assoluto volontariato. «Il programma di Stefania Bonaldi è naturalmente il nostro programma: lo sottoscriviamo e lo sosteniamo parola per parola. Altrettanto naturalmente riteniamo di indicare alcuni percorsi che secondo noi rappresentano le priorità e sui quali saremo particolarmente vigili e propositivi. Percorsi, perché pensiamo che la concretizzazione in azioni sarà compito del sindaco Stefania Bonaldi e della sua squadra, in dialogo costante con il consiglio comunale e con la città». Cinque le priorità indicate nel programma: - una strategia di difesa (tutela delle persone e delle famiglie in difficoltà) ma anche di ripartenza (innovazione, ricerca, nuove opportunità di lavoro) contro la crisi; - la cura della città (uso oculato delle risorse, armonia urbanistica, manutenzione strade e verde); - innovazione (ristrutturare la macchina comunale con il cittadino al centro; informatizzazione e semplificazione amministrativa); - cultura (fare rete fra le diverse strutture culturali, pubbliche e private; scuole, università); - il ruolo di Crema nel territorio (la leadership della città deve essere conquistata giorno per giorno, per dare oltre che ricevere). E’ intervenuto anche Matteo Piloni, coordinatore Pd nel Cremasco e presente in lista. “ E’ il tempo dell’impegno per costruire un’amministrazione non più chiusa nel palazzo come è stata quella del centrodestra, ma aperta ai cittadini, che parli della città e ascolti la città con metodo e tempi certi, che decida ed operi insieme ai cittadini, che si senta promotrice e garante di una comunità civile, operosa, aperta al nuovo, fiduciosa nel futuro che saprà costruire ». Stefania Bonaldi, presente, ha ringraziato dell’appoggio che le viene garantito dal partito; ha però sottolineato «come la sua candidatura sia il frutto di un percorso lungo, faticoso, ma anche ricco di soddisfazione con un ampio coinvolgimento civico così come del resto lo stesso Pd si era augurato fin dall’inizio».

Anna Acerbi

Emilia (Mimma) Benelli

Angela (Maria) Beretta

Claudio Bettinelli

Maria Maddalena Botti

Vincenzo Cappelli

Teresa Caso

Angela Deangeli

Luigi Galvano

Gianluca Giossi

Emilio Guerini

Felice Lopopolo

Andrea Mazzini

Cinzia Miraglio

Pietro (Piero) Mombelli

Astrid Pennazzi

Matteo Piloni

Roberta Riboni

Salvina Dorella

Roccuzzo Gianantonio Rossi

Livia Severgnini

Enrico Stellato

Paolo Valdameri

Elda Zucchi

Segnala questo articolo su