Impennata dell'inflazione, la preoccupazione di Federconsumatori

+ 19
+ 15


alt
Una nuova impennata dell’inflazione si è registrata nel mese di marzo. A lanciare l’allarme sono le associazioni dei consumatori, che definiscono questa situazione “preoccupante”.

Secondo i dati di Federconsumatori, a marzo si è registrata una risalita al 3,3%; ma a destare allarme è soprattutto la crescita record del tasso relativo al cosiddetto carrello della spesa, pari al 4,6%. Secondo le stime dell’associazione, gli aggravi per le famiglie saranno di oltre 1.334 euro annui, di cui oltre 221 solo nel settore alimentare (dati Istat).

«Le ricadute nel settore alimentare saranno ancora più gravi, soprattutto sulla spinta delle speculazioni in atto e dell’aumento dei carburanti» dichiarano i vertici di Federconsumatori. «Si tratta di cifre insostenibili per le famiglie che, solo nel corso dell’ultimo anno, hanno conosciuto una caduta del proprio potere di acquisto del -2,8%. Inoltre è inspiegabile che i prezzi al consumo crescano a questi livelli mentre quelli alla produzione sono in calo».

di Laura Bosio

Segnala questo articolo su